Loading...

Catania, catturati una decina di squali a Ognina. Capitano Platania: “La loro dentatura non è da sottovalutare”

Catania, catturati una decina di squali a Ognina. Capitano Platania: “La loro dentatura non è da sottovalutare”

CATANIA – Che le temperature tropicali abbiano ormai fatto breccia nella nostra isola è cosa assai nota, come è anche risaputo che in Sicilia gli squali non sono mai mancati. Sono infatti esattamente 47 le specie presenti sul Mediterraneo ma, tra il dire e il fare, c’è di mezzo… il mare, appunto.

Niente allarmismo, ve lo diciamo prima che possiate continuare a leggere… ma è giusto dare notizia di quanto accaduto nelle scorse ore, esattamente nella notte appena trascorsa: una decina di squali, di “piccole” dimensioni, sono stati pescati nel borgo di Ognina, a Catania, non molto distanti dalla riva.



Il più “grosso”, di un peso di circa 5 chili, è stato fotografato per il particolare tipo di dentatura che ha colpito il capitano dell’imbarcazione “Giuseppe Padre I”. È lo stesso Mario Platania, infatti, a raccontarci la vicenda: “Eravamo scesi in mare per una battuta di pesca di ‘cianciolo’; la nostra imbarcazione è abilitata per la pesca di pesce azzurro, non appena abbiamo issato le reti abbiamo fatto la scoperta: non solo pesce azzurro ma anche una decina di squali”. Le dimensioni, lo ripetiamo, non sono quelle della specie degli squali bianchi, ma i denti che questi esemplari hanno a disposizione non sono da sottovalutare.


“Li abbiamo avvistati a circa un miglio dalla riva – continua il capitano Platania – il più grosso è quello che ho deciso di fotografare. Precisiamo che i pesci, dopo essere stati riconosciuti, sono stati gettati in mare ancora vivi”.

Le temperature, lo ripetiamo, non sono più quelle di una volta… a Catania soprattutto, si sfiorano i 40° ad ogni stagione estiva, specie tropicali invaderanno col passare degli anni sempre più spesso i nostri mari e, dunque, mettere in atto precauzioni, non guasta mai.

Si ringrazia per le foto il capitano della “Giuseppe Padre I”, Mario Platania