Catania, caso "Jonica pesce": calce edilizia nel baccalà. Interviene il Codacons: "Leso il diritto alla salute" - Newsicilia

Catania, caso “Jonica pesce”: calce edilizia nel baccalà. Interviene il Codacons: “Leso il diritto alla salute”

Catania, caso “Jonica pesce”: calce edilizia nel baccalà. Interviene il Codacons: “Leso il diritto alla salute”

ACIREALE – “Registriamo l’ennesimo caso in cui i consumatori sono vittime dell’illegalità nel settore alimentare e la cui salute e sicurezza viene messa quotidianamente a rischio”, commenta il Codacons dopo l’operazione della Guardia Costiera e dei carabinieri del Noe che hanno sequestrato lo stabilimento produttivo di proprietà della società “Jonica Pesca snc” con sede ad Acireale, una delle maggiori società del settore ittico operanti in Sicilia.

Dall’attività di indagine sarebbe emerso che l’impresa ha adulterato, contraffatto e immesso in commercio ingenti quantitativi di prodotti alimentari, in particolare stoccafisso e baccalà, utilizzando illecitamente, quali ingredienti del prodotto alimentare, della calce edilizia al posto della calce per uso alimentare, nonché ingenti quantitativi di acqua proveniente abusivamente da un pozzo artesiano attiguo che, a seguito delle analisi sulla qualità delle acque provenienti dal suddetto pozzo, ha evidenziato la presenza di un alto tasso di batteri coliformi.



“La mancanza delle più elementari norme di igiene nelle strutture adibite alla distribuzione e commercializzazione di prodotti alimentari ha dirette conseguenze sui consumatori”, spiega l’Avv. Carmelo Sardella, Dirigente dell’Ufficio Legale Codacons Sicilia.

“A essere leso, infatti – conclude – è il diritto alla salute dei cittadini, che rischiano di mettere in tavola prodotti alimentari, in questo caso pesce, non trattato secondo le basilari norme igienico-sanitarie e quindi potenzialmente pericoloso sul fronte della salute”.


Fonte immagine ProLocoSalento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com