Catania, Accademia di Belle Arti riconosce identità d’elezione a studente trans: “Le etichette non hanno importanza”

Catania, Accademia di Belle Arti riconosce identità d’elezione a studente trans: “Le etichette non hanno importanza”

CATANIA – Significativo passo in avanti a Catania, dove l’Accademia di Belle Arti ha riconosciuto l’identità di elezione, cioè quella scelta dal ragazzo e non quella anagrafica, a uno studente trans di 18 anni. Il tutto in attesa che il Tribunale modifichi i documenti.


L’Arcigay di Catania, proprio su Facebook, ringrazia per questo “passo di valore per le persone trans” e comunica, a tal proposito: “Da oggi, ci si potrà iscrivere nell’istituzione catanese direttamente con il nome d’elezione“. Si tratta di un importante riconoscimento in tema di diritti delle persone transgender, oltre che d’indubbio rilievo nei confronti del ragazzo in questione.


Stavolta, infatti, secondo quanto afferma Lele Russo, consigliere di Arcigay Catania, il 18enne potrà vedere riconosciuta l’identità d’elezione per tutto il percorso accademico tramite l’emissione di un solo singolo libretto e un solo tesserino.


Lina Scalisi, presidente dell’Accademia, ha dichiarato: “Per noi l’unica cosa che importa sono gli individui e le loro idee. Le etichette non hanno alcuna importanza“.