Catania, abusivismo commerciale e violazione delle regola sanitarie: sanzioni della municipale, i dettagli

Catania, abusivismo commerciale e violazione delle regola sanitarie: sanzioni della municipale, i dettagli

CATANIA – La Polizia Municipale, al comando di Stefano Sorbino, nella sola giornata di ieri ha sottoposto a controllo 60 attività commerciali e 208 persone tra esercenti e avventori, per verificare il rispetto delle normative dettate per il contrasto alla diffusione della malattia.

In via Di Prima, nel vecchio quartiere San Berillo, è stata operata la chiusura di un esercizio commerciale, gestito da un cittadino senegalese che, oltre a risultare sprovvisto di qualunque autorizzazione amministrativa al commercio, era anche privo, all’atto del sopralluogo, di strumenti di protezione individuale. Per questi motivi il Personale della Polizia Commerciale, congiuntamente al Personale dell’ASP veterinaria, ha sanzionato l’esercente con due verbali amministrativi dell’importo complessivo di 3,5mila euro (mancanza di SCIA e mascherina protettiva), procedendo anche alla chiusura provvisoria dell’esercizio commerciale per 5 giorni.


Sono stati controllati, inoltre, diversi venditori ambulanti su area stradale e sanzionati due operatori, in via Empedocle e in via Cesare Beccaria, che, oltre ad occupare abusivamente il suolo pubblico con cassette di frutta e verdura, sono risultati sprovvisti di autorizzazione amministrativa alla vendita e dei requisiti professionali. Ai due ambulanti sono stati elevati verbali amministrativi per un importo totale di 7,5mila euro e la loro merce è stata posta sotto sequestro e devoluta in beneficenza alla Caritas Diocesana.

Anche nei prossimi giorni verranno svolti serrati controlli annonari per riscontrare le numerose segnalazioni pervenute e garantire, così, il rispetto delle regole a tutela della leale concorrenza commerciale e della salute pubblica.