Cane impiccato davanti casa, atto intimidatorio al consigliere Alongi: “Sono sereno”

Cane impiccato davanti casa, atto intimidatorio al consigliere Alongi: “Sono sereno”

BAGHERIA – Atto intimidatorio o vile gesto da parte di qualcuno? È quello che, in questo momento, si chiedono i carabinieri della compagnia di Bagheria, in provincia di Palermo, che stanno indagando su una presunta intimidazione.

Il destinatario di quest’ultima sarebbe Pietro Alongi, consigliere comunale di Ventimiglia di Sicilia, sempre nel Palermitano. Davanti a un terreno di sua proprietà è stato trovato un cane impiccato.



Il gesto è stato subito condannato dai colleghi di Alongi e dallo stesso sindaco di Ventimiglia, Antonio Rini.

Un gesto condannato anche dal diretto interessato con un post su Facebook: “Ringrazio i tanti amici che in queste ore hanno manifestato affetto stima e solidarietà nei miei confronti per il vile gesto che qualche vigliacco e codardo ha perpetrato. Uccidere un cane e portarlo in un terreno di mia proprietà per appenderlo con il gesto disumano dell’impiccagione è una atto che si commenta da solo. Sono tranquillo e sereno – afferma – perché sono consapevole che i Ventimigliesi sono persone perbene, non avvezze a questi metodi codardi e vigliacchi. Grazie per il vostro affetto”.