Caduta o omicidio? La tragedia del figlio morto a 3 mesi e le frasi contraddittorie di una madre 26enne - Newsicilia

Caduta o omicidio? La tragedia del figlio morto a 3 mesi e le frasi contraddittorie di una madre 26enne

Caduta o omicidio? La tragedia del figlio morto a 3 mesi e le frasi contraddittorie di una madre 26enne

CATANIA – L’orrore, lo sdegno di molte persone, specialmente di molte mamme. Uccidere il proprio figlio a 3 mesi? “Avevo la mente oscurata e non so spiegare cosa sia successo”. Con queste parole la madre, accusata di omicidio, ha parlato su quanto accaduto.

Un interrogatorio lungo quello fatto alla ventiseienne, fermata dalla polizia con l’accusa di aver ucciso, lo scorso 15 novembre, il figlio di appena tre mesi sbattendolo ripetutamente a terra.




Una storia piena di dubbi e domande. E, le risposte, si spera arrivino presto per chiudere il cerchio di una morte le cui modalità hanno lasciato tutti senza parole. Tranne alla madre, che ha cercato di difendere la sua posizione: “Sicuramente non volevo ucciderlo, non ho mai pensato di farlo. Io lo amavo”.

Ma, allora, cosa è successo? Stando alla difesa, la madre avrebbe voluto gettarlo sul letto e non per terra come è accaduto. Un malore che, però, avrebbe provocato la tragedia. Il bambino, dopo essere caduto, è stato portato all’ospedale Garibaldi con un imponente ematoma nella regione parietotemporale destra con numerose emorragie sparse su tutto l’ambito retinico. Nonostante tutte le cure e l’assistenza prestata dai sanitari e attestata dalle certificazioni in atti, il piccolo è morto il giorno dopo.

Dichiarazioni che si aggiungono alle prime fornite ai medici, in cui la donna aveva detto che il piccolo sarebbe caduto dalle sue braccia dopo essersi spinto da solo.

Le indagini sul caso proseguono e si cercherà di far luce su una morte, un presunto omicidio, che resta ancora tinto di giallo.