Brucia rifiuti, 60enne provoca incendio in un casolare di Catania e sviene: intossicati due poliziotti

Brucia rifiuti, 60enne provoca incendio in un casolare di Catania e sviene: intossicati due poliziotti

CATANIA – Nel corso delle prime ore della mattinata di ieri, una pattuglia della Squadra Volante è intervenuta in via Cristoforo Colombo dopo aver notato la presenza di un’intensa coltre di fumo provenire dal tetto di un casolare abbandonato.

Dopo aver immediatamente richiesto l’intervento dei vigili del fuoco, gli operatori di polizia hanno deciso di scavalcare il muro di cinta, per scongiurare il pericolo che qualcuno fosse rimasto intrappolato all’interno.


Sebbene le fiamme in un primo tempo sembravano aver attinto unicamente dei rifiuti, a uno sguardo più attento gli agenti hanno notato la sagoma di un uomo privo di sensi, sdraiato proprio in prossimità delle fiamme.

Ne è conseguito l’immediato intervento volto a salvare il soggetto che, per fortuna, ha ripreso coscienza ed è stato velocemente accompagnato all’uscita del casolare.



Dopo aver fornito le proprie generalità e aver chiarito che era stato lui stesso a provocare le fiamme, nel tentativo di ripulire la zona dai rifiuti per renderla un giaciglio dignitoso in cui trascorrere la notte, l’uomo, un senza tetto di circa 60 anni, è stato trasportato presso il Pronto Soccorso per le cure del caso.

Successivamente, si è appreso che i sanitari hanno reputato necessario effettuare un perizia psichiatrica per via dell’instabilità psicofisica riscontrata nel soggetto, peraltro assuntore seriale di sostanze stupefacenti.

Sottoposti a cure sanitarie, con prognosi di 5 giorni ciascuno, anche i due operatori di polizia intervenuti, per via di anomalie respiratorie dovute ad un inizio di intossicazione da fumo.

Immagine di repertorio