Body shaming: perché non oltre le apparenze?

Body shaming: perché non oltre le apparenze?

 

QUESTO ARTICOLO FA PARTE DEL CONCORSO DIVENTA GIORNALISTA, RISERVATO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI CATANIA.

iGeneration o ancora Generazione Z, così viene definita quell’ ampia fascia di giovani nati dal 1997 al 2012 e comunemente associati alla maestria nell’utilizzo delle nuove tecnologie e alla significativa perdita di capacità di socializzazione.


Ogni epoca per quanto tramontata possa al giorno d’oggi sembrare, si è ritrovata in diverso modo ad affrontare il cosiddetto gap generation: quel profondo distacco in termini di idee o valori solitamente avvertito da componenti della società più giovani verso le antecedenti generazioni.


A tal proposito mi chiedo se si possa considerare corretta quella naturale tendenza, soprattutto esercitata da un genitore verso il proprio figlio, di porre a paragone problematiche analoghe ai periodi dell’adolescenza dell’uno e dell’altro,


ma facenti parte di scenari temporalmente poco affini e con caratteristiche ben distinte.



Il body shaming è una di quelle. Sebbene il disprezzo nei confronti di chi è lungi dall’essere conforme al comune stereotipo di ‘bellezza’ sia sempre esistito, con la venuta dei social media e la creazione di nuove piattaforme di comunicazione, il fenomeno si è indubbiamente aggravato.

L’esposizione mediatica pare essere quasi indispensabile per ottenere un buon posizionamento sociale.

Nessuna esposizione? Saranno in pochi a conoscerti e ‘tappezzare’ di like le tue foto.

Esporsi? Accetta la possibile presenza di haters i cui pessimi commenti riguarderanno i chili di troppo sui tuoi fianchi o il numero di foruncoli concentrati sulla tua fronte.

Piuttosto recente è il caso ‘Giovanna Botteri’, giornalista Rai corrispondente da Pechino nonché bersaglio di critiche e derisioni da parte d’un servizio del tg satirico Striscia la notizia.

La Botteri, essendo stata chiamata in causa per via d’una presunta mancata igiene e d’un look poco adeguato ad una nota giornalista, ha fin da subito inquadrato la questione definendo i giudizi sfavorevoli indirizzati ingiustamente nei suoi confronti (body shaming) come l’esaltazione di ‘modelli stupidi e anacronistici’ di cui l’umanità non deve permetterne l’incoraggiamento.

Crescere in un secolo in cui una buona acconciatura ed un abile utilizzo del dress-code sembrano quasi oscurare intelligenza e professionalità, non soltanto distoglie l’attenzione dal voler migliorarsi più umanamente invece che esteticamente, ma rende chiaro quanto soddisfare certe etichette non faccia altro che accrescere consenso e popolarità via social.

Come evadere allora da una realtà mediatica le cui condivisioni, derisioni,dissensi riecheggiando perpetuamente nelle orecchie di una gioventù forse troppo debole e impreparata, fanno sì che la stessa diventi la vittima indiscussa del suo periodo storico? Educandoci al rispetto umano non solo ricordando quanto fosse più facile e forse anche più bello per i nostri papà e mamme in passato, ma distinguendo anche le ‘buone azioni digitali’ da quelle che ci rendono  cyberbulli.

Chiara D’Amico 5C – I.I.S.S. “Ettore Majorana” – Scordia (CT)