Bimbi e anziani al servizio dello spaccio, ragazzini come "vedette": la realtà dello Sperone in un servizio de "Le Iene"

Bimbi e anziani al servizio dello spaccio, ragazzini come “vedette”: la realtà dello Sperone in un servizio de “Le Iene”

Bimbi e anziani al servizio dello spaccio, ragazzini come “vedette”: la realtà dello Sperone in un servizio de “Le Iene”

PALERMO – Scene desolanti e tristi quelle che arrivano dal quartiere Sperone di Palermo, una delle maggiori piazze di spaccio di tutta la Sicilia.


A portare alla luce immagini e testimonianze choc è un servizio di Luigi Pelazza per il programma Mediaset “Le Iene” (video disponibile qui).


Secondo quanto emerge da foto e filmati, lo Sperone, una borgata ricca di palazzi antichi e spesso fatiscenti, la droga è praticamente normalità. Così come comune prassi è quella di impiegare ragazzini come “vedette”: i più piccoli sembrano quindi essere diventati il fiore all’occhiello della criminalità locale, una possibilità per sfuggire facilmente ai controlli delle forze dell’ordine.

Situazioni incredibili, impossibili da credere se non fossero immortalate dal servizio. Bambini di otto anni, anziani che portano avanti l’attività di spaccio del figlio e tante altre storie di degrado e miseria: tutto questo sembra aver assorbito la vitalità del quartiere palermitano, trasformandolo in uno dei luoghi più malfamati del capoluogo siciliano.

Fonte immagine: Le Iene