Auto e furgoni abbandonati a Catania, Comitato Terra Nostra: “Bisogna avviare un iter procedurale”

Auto e furgoni abbandonati a Catania, Comitato Terra Nostra: “Bisogna avviare un iter procedurale”

CATANIA – Sono decine le strade a Catania che assomigliano sempre più a rimesse di qualche sfasciacarrozze. Nel corso di continui sopralluoghi e raccolta di segnalazioni, da parte dei cittadini, il Comitato Terranostra si è reso conto da tempo come centinaia di mezzi, tra auto e piccoli furgoni, siano abbandonati lungo le vie del capoluogo etneo.

“La crisi continua a costringere le famiglie a fare i salti mortali – afferma il Comitato – per far quadrare i conti e questo provoca pure il totale immobilismo dei mezzi di trasporto privati. Macchine e furgoni di piccole dimensioni senza copertura assicurativa, con i pneumatici danneggiati e ricoperti da volantini pubblicitari lasciati per mesi o addirittura per anni ai quattro angoli delle strade o delle piazze della città. Esempi simili si trovano in via Plebiscito, viale Rapisardi e perfino nei pressi del Tondo Gioeni“.



Il componente del Comitato Terranostra Carmelo Sofia ha più volte ribadito che questi mezzi diventano pattumiere a cielo aperto e ospitano piccole colonie di topi. In queste condizioni anche il personale comunale non riesce a effettuare adeguatamente la pulizia delle strade perché le auto occupano una parte della carreggiata.


“Ecco perché il Comitato Terranostra chiede al sindaco – afferma Sofia – di attivare tutte le procedure necessarie per evitare che questo problema si aggravi ulteriormente. Da qui la proposta per creare un iter procedurale specifico che non si basi solo su un’azione repressiva indiscriminata verso i proprietari ma, piuttosto, miri a eliminare queste carcasse dalle strade“.