Ancora cani abbandonati: Diana salvata dall’OIPA

Ancora cani abbandonati: Diana salvata dall’OIPA

SAN CATALDO – Nonostante l’estate sia finita continua l’ignobile abbandono dei cani: due “angeli dell’Organizzazione Italiana Protezione Animali (OIPA)”  hanno salvato una cagnetta, un incrocio di beagle che, smarrita e impaurita, vagava nella zona di piazza Risorgimento a San Cataldo e che sarebbe, con il maltempo, andata incontro a morte certa.

Diana 2

Dal comportamento della cagnetta si evince che si tratta di un esemplare abituato a vivere in casa, inadatto alla vita di strada e, dalla malnutrizione e dai segni di maltrattamento si pensa che la cucciola sia stata abbandonata dai padroni stanchi di accudirla. Quando è stata ritrovata si era accasciata priva di forze e la gente intorno a lei passava indifferente, incurante della sua sofferenza. Tratta in salvo dagli “angeli dell’OIPA” ha ricevuto coccole, cibo e acqua, ma tutto ciò non è abbastanza! Diana, così è stata chiamata la piccola, ha bisogno di una casa e di una famiglia, o meglio di una NUOVA famiglia che la ami, la coccoli, la nutra e soprattutto che la rispetti.

diana 3

Si sentono migliaia e migliaia di storie sui cuccioli abbandonati, cosa devono fare le organizzazioni animaliste, la Provincia o lo Stato per sensibilizzare chi li maltratta o li abbandona? Cosa si può fare per spiegare che si tratta di essere viventi che vanno amati, nutriti e rispettati? Spesso i cani sono vittime dei padroni che sfogano su di essi la loro rabbia. Come si può spiegare il concetto: “Se non vuoi occupartene, non comprarlo!”. Per adottare la piccola Diana potete rivolgervi al rifugio privato dell’OIPA di San Cataldo, fate presto! Ha bisogno di voi, non ve ne pentirete.

Commenti