Aggressione a Etnaland, parla il giovane picchiato a sangue: “Volevano ucciderci, chiedo giustizia”

Aggressione a Etnaland, parla il giovane picchiato a sangue: “Volevano ucciderci, chiedo giustizia”

BELPASSO –Volevano ucciderci“, non usa mezzi termini il 23enne picchiato a sangue lunedì 8 luglio a Etnaland, parco divertimenti di Belpasso, in provincia di Catania.

Il giovane è intervenuto pubblicamente in un video reso noto da lasiciliaweb per parlare della violenta aggressione subìta per mano di un gruppo di scalmanati.



Sul volto del ragazzo sono ancora presenti i segni del violento assalto e la stessa vittima fa fatica a trovare il filo di voce necessario per raccontare i particolari dell’accaduto. Il 23enne, attraverso il video, chiede giustizia e dice di essersi ritrovato in netta minoranza in compagnia del cugino.

Decisa, nei momenti successivi al turpe pestaggio, la condanna del proprietario di Etnaland, Francesco Russello, che ai microfoni di NewSicilia ha parlato di “avvenimento inconcepibile”.