Acireale, picchia e lascia a terra sanguinante la convivente davanti ai figli minorenni: 43enne ai domiciliari - Newsicilia

Acireale, picchia e lascia a terra sanguinante la convivente davanti ai figli minorenni: 43enne ai domiciliari

Acireale, picchia e lascia a terra sanguinante la convivente davanti ai figli minorenni: 43enne ai domiciliari

ACIREALE – I carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Acireale hanno arrestato nella flagranza un pregiudicato del posto di 43 anni, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, reati commessi ai danni della convivente di 31 anni.

A seguito di una richiesta di aiuto pervenuta alla centrale operativa della locale compagnia, attraverso la quale una ragazza riferiva di essere stata picchiata dal convivente, l’equipaggio di una gazzella si è immediatamente recato in un’abitazione di via Scaccianoce.



Accendendo in casa i militari hanno notato la giovane visibilmente provata e sanguinante a terra, i due figli minorenni della coppia in lacrime, e l’uomo che continuava a maltrattarla perché si era permessa di chiamare i carabinieri.

Il 43enne, per evitare le manette, mezzo nudo ha tentato di fuggire per le scale del palazzo, gesto reso inutile dal pronto intervento dei militari che lo hanno raggiunto e ammanettato, mentre la giovane è stata soccorsa e trasportata nell’ospedale di Acireale, dove i medici del pronto soccorso le hanno diagnosticato una frattura delle ossa nasali e un trauma contusivo regione dorsale destra, lesioni giudicate guaribili in 30 giorni.


Dalle prime testimonianze acquisite dai carabinieri, sembra che l’individuo negli ultimi anni sottoponesse la convivente a continue vessazioni, commesse peraltro quasi sempre in presenza dei figli minori.

L’arrestato, in attesa delle decisioni del giudice per le indagini preliminari, è stato relegato agli arresti domiciliari in casa dei propri  genitori.