Aci Castello, alberi potati male e con cemento alla base: il Csa fa sentire la sua voce - Newsicilia

Aci Castello, alberi potati male e con cemento alla base: il Csa fa sentire la sua voce

Aci Castello, alberi potati male e con cemento alla base: il Csa fa sentire la sua voce

ACI CASTELLO – Torna a far discutere il rapporto tra ciò che è tipico dell’ambiente urbano, come asfalto e cemento, e il verde, in questo caso gli alberi. Ci troviamo ad Aci Castello, nota località marinara del Catanese, precisamente in via Stazione, arteria che dal centro del paese conduce alla sua parte alta. Qui si trovano degli alberi che, come è possibile vedere nella foto, nella loro base al posto del verde e del terriccio hanno il cemento.

Una cosa che verrebbe definita assurda, soprattutto da un punto di vista visivo, ma il quadro non si ferma certo qui. Prima di essere riempiti da sotto con il cemento, infatti, è stata effettuata un tipo di potatura errata, comunemente nota come capitozzatura. Come dimostrato dagli esperti del settore, questo modo di trattare l’albero non contribuisce certamente a tenerlo in buone condizioni e non gli lascia tante possibilità di vita.



La presenza di questo scempio è stata denunciata nei giorni scorsi dal Csa, Centro Studi Acitrezza, associazione che si occupa della valorizzazione della storia, della cultura e delle tradizioni locali della zona. A farsi portavoce di questa segnalazione è il presidente Antonio Castorina, che afferma come la cementificazione della base abbia completato il quadro dopo la potatura errata fatta qualche mese fa.

“Martedì in via Stazione – spiega Castorina – sono arrivati a coprire anche gli alberi, che sono così attaccati al cemento. Così non viene lasciato spazio alle radici per prendere acqua. Noi stiamo monitorando la situazione e abbiamo già inviato una Pec al Comune di Aci Castello nella quale abbiamo chiesto di intervenire perché la precedente potatura aveva già danneggiato gli alberi. Il cemento tra le radici crea un ulteriore danno alla pianta. C’è stata una risposta indiretta sui social, ma restiamo comunque vigili e se entro la settimana non viene sistemato nulla continueremo a far sentire la nostra voce in tutti gli organi preposti”.


Fonte immagine pagina Facebook Csa, Centro Studi Acitrezza

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.