Tra Paganese e Catania vince la pioggia, rossazzurri costretti “ai box” per il meteo inclemente

Tra Paganese e Catania vince la pioggia, rossazzurri costretti “ai box” per il meteo inclemente

CATANIA – Troppa pioggia, niente partita. Le nubi pesanti e i numerosi millimetri d’acqua che si sono raccolti sulla città di Pagani e sullo stadio “Marcello Torre” hanno suggerito a Mario Vigile, direttore di gara che avrebbe dovuto arbitrare il confronto tra Paganese e Catania, di riporre il pallone e decretare il rompete le righe per entrambe le formazioni.


Niente fischio d’inizio alle ore 15, dunque, per il match della tredicesima giornata di Serie C Girone C, con la formazione di Cristiano Lucarelli che potrebbe presto rientrare in Sicilia nelle prossime ore se non dovesse essere stabilita una data di recupero imminente.

Decisivo, per la scelta dell’arbitro, il secondo sopralluogo avvenuto intorno alle 15,30 in compagnia dei due capitani, quando una seconda perturbazione ha reso nuovamente un acquitrino il campo già fortemente allentato dall’acqua piovuta nei minuti precedenti.


Troppe le zone di campo dove il pallone faticava a rimbalzare, così come le porzioni di terreno completamente invase dall’acqua. Da comprendere, adesso, quando potrà essere recuperata la gara tra campani ed etnei.

Immagine di repertorio