Il rifiuto, la lotta e la sentenza. Il Calcio Catania può finalmente accogliere Luis Maldonado: "Pronto a dare più del massimo"

Il rifiuto, la lotta e la sentenza. Il Calcio Catania può finalmente accogliere Luis Maldonado: “Pronto a dare più del massimo”

Il rifiuto, la lotta e la sentenza. Il Calcio Catania può finalmente accogliere Luis Maldonado: “Pronto a dare più del massimo”

CATANIA – Il successo delle ragioni di diritto del Calcio Catania e di Luis Alberto Maldonado Morocho è stato sancito oggi dal Tribunale Federale Nazionale, che ha accolto il ricorso del club e del calciatore, dichiarando la validità del tesseramento. La preziosa affermazione è stata propiziata dall’intuizione del segretario generale, Giorgio Borbone, profondo conoscitore della normativa federale.


Lette le motivazioni del provvedimento di diniego, Borbone ha colto e sottolineato il margine operativo, propiziando il brillante e risolutivo intervento del celebre avvocato Cesare Di Cintio. Il Calcio Catania e Luis Alberto Maldonado Morocho hanno ringraziato il legale per l’assistenza ricevuta.


Il centrocampista sudamericano, finalmente disponibile, ha espresso la sua gioia: “In attesa del provvedimento sudavo ed ero nervoso, adesso sono felice e mi sembra davvero di rinascere. Non volevo andar via, in un mese trascorso qui sono stato trattato benissimo. Sono stato tutelato e incoraggiato dal direttore dell’area sportiva, Maurizio Pellegrino: ha preteso che io non mi allontanassi da Torre del Grifo, mostrandomi concretamente fiducia e continuando a considerarmi parte integrante del gruppo-squadra, nonostante l’incertezza della mia posizione“.

Sono stato sostenuto dalla mia ragazza e dai miei genitori e ho sentito la fiducia dell’allenatore e dei compagni, ne sono fiero e ora sono pronto a dare più del massimo per il gruppo e per la maglia. Siamo forti, siamo coesi e abbiamo fame. Forza Catania, per me inizia una splendida avventura“, conclude il centrocampista. Luis Alberto Maldonado Morocho indosserà la maglia numero 15.