Unict, progetto di ricerca sulla riduzione dai danni da fumo: aperto bando per 4 borse di studio

Unict, progetto di ricerca sulla riduzione dai danni da fumo: aperto bando per 4 borse di studio

Unict, progetto di ricerca sulla riduzione dai danni da fumo: aperto bando per 4 borse di studio

CATANIA – L’Università di Catania ha pubblicato un bando per l’affidamento di 4 borse di ricerca annuali a giovani laureati in varie discipline, nell’ambito delle attività e dei progetti di ricerca avviati dal Centro per la Riduzione del Danno da Fumo (CoEHAR), fondato dal professore Riccardo Polosa.


Il bando per la selezione è aperto sino al 26 giugno prossimo. Il progetto di ricerca, denominato “Living Systematic Reviews: an innovative method for systematic reviews applied to the research on tobacco harm reduction, with particular reference to cardiovascular effects, respiratory effects and weight management” (responsabile scientifico professore Gaetano Bertino), prenderà il via a settembre 2020 e il compenso previsto per il ricercatore è di 26mila euro/anno.

Due di queste borse di studio sono riservate a laureati provenienti da paesi a basso e medio reddito. L’attività di ricerca si svolgerà nei locali e nei laboratori del dipartimento di Medicina clinica e sperimentale (Medclin) e del CoEHAR.


La ricerca sulla riduzione del danno da fumo, a differenza di molti altri ambiti di ricerca, coinvolge molteplici professionalità afferenti a settori scientifici diversi.

Tra le sfide della ricerca in questo campo vi è infatti quella di individuare, verificare e valutare gli studi che risultano essere imperfetti o addirittura già obsoleti vista l’incredibile quantità di pubblicazioni in atto.

Il nuovo progetto di ricerca del CoEHAR, diretto dalla dottoressa Renée O’Leary, è altamente innovativo.

Il team selezionato lavorerà sulle revisioni degli studi pubblicati, valutandone criticamente la loro qualità e producendo relazioni di elevato spessore scientifico aggiornate in tempo reale e con un linguaggio semplice.

Le revisioni sistematiche di questo tipo forniranno ai responsabili politici, agli operatori sanitari e ai consumatori, dati affidabili e aggiornati provenienti da studi di qualità per informare le loro decisioni su politiche e pratiche per ridurre i danni causati dal fumo.

L’obiettivo della ricerca è quello di fornire informazioni sugli effetti sulla salute derivanti dalla sostituzione delle sigarette convenzionali con prodotti alternativi a basso rischio, con particolare riferimento agli effetti nei sistemi cardiovascolare e respiratorio e sulla gestione del peso.

Immagine di repertorio