Teatro francofono: Wojtyla presente!

Teatro francofono: Wojtyla presente!

CATANIA – Il 21 e il 22 aprile 2022, l’IPSSEOA “Karol Wojtyla” ha partecipato al XXII Festival International de Théâtre Francophone di Catania che riprende vita quest’anno dopo due anni di silenzio dovuti alla pandemia.

Con grande emozione dunque, 170 studenti di una decina di scuole superiori di Catania e provincia si sono ritrovati a calcare la scena con degli spettacoli teatrali in lingua francese, per la prima volta senza la presenza dei gruppi stranieri in sala ma comunque collegati attraverso i social e la diretta streaming del Festival.


La dirigente del “Karol Wojtyla” di Catania, la dott.ssa Daniela di Piazza, ha fortemente voluto la ripresa di questo progetto didattico, che dal 2009 non aveva mai avuto battute d’arresto grazie al lavoro della prof.ssa Alessandra Costarella, decente di Lingua Francese e responsabile di progetto in collaborazione con il Dipartimento di Lingua Francese dell’Istituto, diretto dalla prof.ssa Claudia Cardone.

Negli anni, infatti, il progetto dello studio della lingua francese attraverso le pratiche teatrali e la conseguente partecipazione a tutti i Festival della rete internazionale che hanno portato gli studenti del Wojtyla a rappresentare i loro spettacoli in giro per il mondo, si è dimostrato fortemente motivante nello studio delle lingue straniere ma anche complementare alle attività professionalizzanti del Wojtyla in quanto aiuta, in poco tempo e in maniera ludica, a rafforzare molti obiettivi trasversali come la padronanza della parola, del gesto, del movimento, la scoperta del sé e l’importanza fondamentale del lavoro d’équipe.

Quest’anno un gruppo di studenti delle classi 3A sezione Accoglienza Turistica e 3B sezione Enogastronomia, ha lavorato alla messa in scena di uno spettacolo tratto dal romanzo di Daniel Pennac ‘Chagrin d’école’ in cui l’autore francese ricorda i suoi trascorsi da ultimo della classe, disinteressato ad ogni aspetto della vista scolastica fino al momento in cui, inaspettatamente, proprio un professore lo salva facendogli finalmente scoprire il profondo significato della parola “apprendere” insieme a tutte le sue mille sfaccettature che riusciranno, in futuro, a cambiare la vita dell’alunno svogliato fino a farlo diventare uno degli scrittori più famosi del suo tempo!

L’adattamento del testo teatrale e la regia dello spettacolo sono opera del talento dell’attrice Irene Tetto che con grande garbo e sapienza ha trasportato gli studenti in un mondo nuovo, fatto di giocosa finzione, lasciando che i giovani attori parlassero proprio di se stessi ma in un modo completamente nuovo!

La scoperta del linguaggio teatrale e la partecipazione al XXII Festival de Theatre Francophone di Catania hanno lasciato nei ragazzi la voglia di continuare l’avventura…

Viola: “Esperienza fantastica e che personalmente mi ha aiutata molto anche a crescere! Mi sono divertita tantissimo e sono fiera del risultato ottenuto! Lo rifarei tante altre volte!
Roberta: “C’è una prima volta per tutto’ dicono….e proprio questa è stata una di quelle prime volte così magiche che non si dimenticheranno mai! Questa avventura è stata un’emozione indescrivibile e sicuramente rifarei tutto infinite volte. (P.S.: Pas de panique!)
Riccardo: “È stata una esperienza carina!
Francesco: “È stata una splendida avventura. È stato molto gratificante vedere il risultato di tutti i nostri sacrifici e, se fosse possibile, mi piacerebbe un sacco ripetere questa esperienza!
Mattias: “È stata un’esperienza fantastica ed era una cosa che mai mi sarei aspettato! Invece siamo arrivati sul palco e siamo stati fantastici ma soprattutto tutti quanti uniti fino alla fine….Un’esperienza che vorrò rifare sicuramente!
Dorotea: “È stato per me un vero piacere partecipare a questo percorso che ha integrato l’insegnamento della lingua francese con lo spettacolo teatrale. Imparare divertendosi! Ringrazio la professoressa, l’insegnante di teatro e i miei compagni per aver reso possibile la realizzazione di uno spettacolo davvero gradevole!
Alessio:Un’esperienza fantastica, da rivivere, trovi un mix di emozioni che non vivi ogni giorno, fai conoscenze nuove ma soprattutto impari a legare con i compagni che sono stati al tuo fianco in questo percorso. Inizialmente non mi sarei mai aspettato tutto questo , non mi sarei aspettato degli applausi come quelli che ci hanno fatto in teatro e spero davvero di poter fare tante altre esperienze del genere. Vorrei complimentarmi e ringraziare le nostre due insegnanti: Irene Tetto e la prof Costarella“.

Foto