Criticità al “De Felice Olivetti” di Catania, la Provincia comincia a collaborare: speranze per l’Istituto?

Criticità al “De Felice Olivetti” di Catania, la Provincia comincia a collaborare: speranze per l’Istituto?

CATANIA – Tante le criticità all’Istituto superiore “G. De Felice Giuffrida Olivetti” di Catania con a capo il Dirigente Scolastico, “Ing. Prof. Anna De Francesco” -, che meritano una risoluzione immediata per garantire la corretta fruizione del diritto allo studio di ciascuno studente.


Tra le questioni: la scuola dispone di soltanto due plessi per 32 classi complessive; su 630 alunni totali, il 7% (43 studenti) sono disabili e, in entrambe le strutture, non ci sono aule idonee per lo svolgimento dell’attività didattica relativamente a loro. In più, sono state eliminate la sala docenti, la biblioteca, i laboratori d’informatica e, per recuperare spazio, alcune delle aule presenti sono state separate da cartongesso. Ma non è tutto: risultano mancanti anche le palestre in entrambi i plessi.


La scuola, quindi, sta vivendo un periodo alquanto problematico – che va avanti ormai da tempo – perché a tutte queste criticità si associa il fatto che bisogna garantire la sicurezza per arginare al minimo l’emergenza sanitaria in atto nel nostro paese.

Il dirigente scolastico del De Felice Olivetti, insieme ai genitori che si affiancano nella “lotta” per trovare quanto prima una soluzione alle problematiche, si sta muovendo in tale direzione e sembra che vi sia un barlume di speranza.

Proprio oggi, infatti, alle 11, il Dirigente della provincia ha rincuorato la preside informandola che si impiegheranno i Fondi Miur 27 189 del 19/08/2020 per mettere un punto a questa annosa questione.

È tutto vero? Si rivolverà in breve periodo?