L’Etna “ribolle”, attività stromboliana dal Cratere di Sud-Est e tremore vulcanico in aumento

L’Etna “ribolle”, attività stromboliana dal Cratere di Sud-Est e tremore vulcanico in aumento

CATANIA – Dopo gli eventi eruttivi dei giorni scorsi l’Etna torna a ribollire nel corso della notte tra lunedì 19 e martedì 20 luglio.

L’Ingv di Catania, attraverso un comunicato ufficiale, rende noto infatti che è stato registrato “un incremento dell’attività stromboliana al Cratere di Sud-Est. In base al modello previsionale la nube eruttiva prodotta dall’attività in corso si disperde in direzione Sud-Sud Est“.


A partire dalle ore 02:20 UTC circa – fanno sapere ancora gli esperti Ingv – si osserva un repentino aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico che ha raggiunto valori alti”.

Il centroide delle sorgenti del tremore è ubicato in corrispondenza del Cratere di Sud-Est ad una elevazione di circa 2.900 metri sul livello del mare“.

Sempre a partire dalle ore 02:20 UTC circa si osserva un incremento dell’attività infrasonica che ha raggiunto livelli alti ed è localizzata in corrispondenza del Cratere di Sud Est. I segnali delle reti permanenti del monitoraggio delle deformazione GNSS e clinometrica non mostrano variazioni significative“, conclude l’Ingv.

Fonte foto: Ingv.it