L’Etna fa sul serio, tremori sempre più forti. L’Ingv: “Livelli molto alti, espulsione di cenere in corso”

L’Etna fa sul serio, tremori sempre più forti. L’Ingv: “Livelli molto alti, espulsione di cenere in corso”

CATANIA – Si intensificano i tremori localizzati sul Cratere di Sud-Est dell’Etna, dopo le prime avvisaglie di eruzione che si sono registrate nelle scorse ore.

A seguito dei bollettini diffusi ieri sera dall’Ingv di Catania, gli esperti vulcanologi rendono noto tramite un nuovo comunicato che “alle ore 05,40 UTC l’ampiezza del tremore vulcanico è su valori alti. L’ultima localizzazione del tremore, alle ore 04,45 UTC, risulta in prossimità del Cratere di Sud-Est a una profondità di circa 3,0 km s.l.m.“.


Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti, alle ore 05,38 UTC, è molto alto. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere CSE. La copertura nuvolosa consente una visualizzazione estremamente discontinua e parziale dell’area sommitale“.

Nel corso della notte è stato possibile osservare ancora i bagliori descritti nel comunicato precedente. Sulla base del modello previsionale, la cenere emessa dall’ attività in corso viene dispersa in direzione Est-Nord Est“.

Le reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo non mostrano variazioni significative. Esclusivamente la stazione clinometrica di Cratere del Piano mostra una leggera variazione di trend“, conclude l’Ingv.

Fonte foto: Ingv