Etna, ricominciata l’attività stromboliana: ricaduta di cenere in corso, ecco dove – La mappa dell’Ingv

Etna, ricominciata l’attività stromboliana: ricaduta di cenere in corso, ecco dove – La mappa dell’Ingv

CATANIA – L’Etna torna a “farsi sentire” con una ripresa dell’attività stromboliana. Il vulcano più alto d’Europa, oramai da quasi un anno, sembra non volersi fermare e continua a essere protagonista nelle giornate dei catanesi.

Il bollettino dell’Ingv

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che alle ore 15,25 locali è ripresa l’attività stromboliana al cratere di Sud-Est. Dalle ore 12.00 UTC, inoltre, si nota un significativo aumento dell’ampiezza del tremore, che raggiunge valori alti.


Questo fenomeno, secondo quanto riportato dagli esperti, è seguito anche da un aumento dell’attività infrasonica, con circa un evento al minuto. Le sorgenti del tremore vengono localizzate a sud-est del cratere di sud-est, a circa 3mila metri sopra il livello del mare.

Nelle ultime ore non si registrano variazioni significative delle deformazioni alle reti GPS e tilt.

Ricaduta di cenere è in corso, come visibile dalla mappa in evidenza, nei seguenti territori: Zafferana Etnea, Santa Venerina, Giarre, Pozzillo e Stazzo.

Clicca qui per visualizzare tutti i dati in tempo reale.

Aggiornamento bollettino Ingv ore 18,02

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che alle 15,45 GMT si registra un incremento dell’attività stromboliana con passaggio a fontana di lava. Si nota un ulteriore aumento dell’ampiezza del tremore, che raggiunge valori alti.

Aumento anche dell’attività infrasonica, sia per quanto riguarda la frequenza e l’ampiezza dei segnali. Le sorgenti del tremore vengono localizzate a SE del cratere SE, ad un livello di circa 3.000 metri sul livello del mare.

Le ultime localizzazioni degli eventi infrasonici ricadono a S del cratere SE. Dal punto di vista delle deformazioni si evidenziano solo leggere variazioni di pochi decimi di microradianti alle stazioni clinometriche sommitali“.

Fonte foto Giusy da Trecastagni

Immagini video

 

 

Fonte video Tonino Giorgianni