Etna, nuova eruzione al cratere di Sud-Est: cenere in dispersione nell’aria, la NOTA dell’INGV

Etna, nuova eruzione al cratere di Sud-Est: cenere in dispersione nell’aria, la NOTA dell’INGV

CATANIA – Nuova eruzione sull’Etna che, dalle prime ore di questo pomeriggio, ha ripreso la propria attività stromboliana dopo un breve momento di tregua. Il tutto viene confermato dagli ultimi risultati resi noti dall’INGV.

Il bollettino delle 14,35

“L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che a partire dalle 14:27 UTC, si osserva un forte incremento dell’attività stromboliana al Cratere di SE. In base al modello previsionale la nube eruttiva prodotta dall’attività in corso si disperde in direzione SSE. Alle ore 14.20 UTC l’ampiezza del tremore vulcanico è su valori alti con andamento in crescita.


L’ultima localizzazione del tremore, alle ore 13.45 UTC, risulta in prossimità del Cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 3,0 km s.l.m. Il numero degli eventi infrasonici negli ultimi 10 minuti, alle ore 14.22 UTC, è medio. L’ultimo evento infrasonico risulta localizzato in prossimità del cratere CSE”.

A tal proposito, nel sito dell’Osservatorio Etneo della Sezione di Catania, vengono riportate le tracce relative all’andamento temporale dell’ampiezza del tremore vulcanico registrato negli ultimi 7 giorni, ad alcune stazioni sismiche della rete permanente INGV-OE ubicate nell’area etnea.

Anche ieri sono state registrate delle nuove fontane di lava e una colonna eruttiva che ha raggiunto circa 6,5 chilometri di altezza.

Fonte foto: Tonino Giorgianni