Succede a Catania e provincia: 28 settembre MATTINA

Succede a Catania e provincia: 28 settembre MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni condotte dalla Polizia di Stato a Catania e provincia:


  • Il personale delle Volanti ha arrestato la pregiudicata catanese Valentina Giuffrida, 34enne, per il reato di evasione dagli arresti domiciliari poiché trovata fuori dalla sua abitazione e riconosciuta dalle volanti in transito in viale Kennedy. La donna, persona nota alla polizia perché più volte arrestata per il medesimo motivo, ha inoltre fornito false generalità agli agenti, beccandosi così anche una denuncia. Dell’avvenuto arresto è stato avvisato il pubblico ministero di turno che lo ha convalidato con immediata liberazione disponendo il ripristino degli ardom;
  • il personale delle Volanti, in transito in piazza Palestro, ha notato due scooter condotti da due giovani e uno di essi spingeva l’altro. Tale dinamica ha insospettito gli operatori che quindi hanno intimato l’ALT Polizia attivando i dispositivi sonori e visivi in dotazione alla Volante. I due giovani hanno provato a fuggire; uno di essi è riuscito a dileguarsi appiedato approfittando dell’oscurità della notte, mentre l’altro, un minore di 16 anni, è stato bloccato e condotto in ufficio. Dagli accertamenti esperiti sui mezzi si è appurato che uno dei due scooter era stato rubato al legittimo proprietario, poi contattato telefonicamente. Pertanto, il giovane è stato arrestato per il reato di furto aggravato in concorso con persona rimasta ignota e, su disposizione del pubblico ministero del Tribunale dei Minori collocato in un Centro di Prima Accoglienza;
  • il personale dell’UPGSP- Squadra a cavallo e cinofili, a seguito di segnalazione giunta sull’App “YouPol”, ha effettuato un controllo all’interno di un garage ubicato nel quartiere di Librino in viale Moncada. All’interno di tale locale, che era stato trasformato in una stalla abusiva, vi era un cavallo tenuto in pessime condizioni igienico-sanitarie. Rintracciato il proprietario dell’equide, N.M., pregiudicato e, intervenuto anche personale dell’ASP veterinaria, è stato sanzionato amministrativamente per mancanza del codice aziendale. Inoltre, l’uomo è stato denunciato per i reati di maltrattamento di animali, invasione di terreni e/o edifici e per furto aggravato di energia elettrica in quanto allacciato abusivamente alla rete pubblica, così come accertato da tecnici Enel.

Immagine di repertorio