Rifiuti abbandonati, cassonetti bruciati e capovolti. Buceti (IV Municipio): “Serve installare delle telecamere”

Rifiuti abbandonati, cassonetti bruciati e capovolti. Buceti (IV Municipio): “Serve installare delle telecamere”

CATANIA – L’arresto di un criminale, alcuni giorni fa, che bruciava cassonetti dei rifiuti in via Plebiscito e in via Garibaldi è un segnale, l’ennesimo, di come la questione spazzatura sia un problema complesso e che va affrontato a 360°.


Nel IV municipio di Catania troppe zone sono invase dai rifiuti e troppi siti si ritrovano con i centri di raccolta danneggiati, bruciati o addirittura capovolti. Tutt’intorno, materiali di ogni tipo accatastati. Che siano “bravate” o atti mirati, poco importa. Quello che causa le proteste dei cittadini sono le conseguenze.


Per queste ragioni il presidente del IV municipio di Catania, Erio Buceti, ha proposto l’installazione di telecamere di sicurezza nei punti maggiormente a rischio tra i quartieri di Cibali, Trappeto Nord, San Nullo e San Giovanni Galermo.

“Si tratta di una soluzione radicale per un problema che si aggrava di giorno in giorno – spiega Buceti – dal semplice incivile, con il sacchetto di plastica, fino al delinquente o allo zozzone, che abbandonato intere cantine o stanze ammobiliate, la situazione nel nostro territorio sta diventando incontrollabile. La semplice bonifica delle aree colpite non basta più perché i rifiuti ritornano nel giro di pochissimi giorni”.

Ecco perché – continua Buceti – alcuni giorni fa su proposta del sottoscritto è stato approvato all’unanimità un emendamento, a una mozione presentata da alcuni consiglieri, che ribadisce la necessità di posizionare telecamere di sicurezza per prevenire la formazione di discariche abusive su viale Benedetto Croce, in via Santa Rosa da Lima, in via Bergamo e in via Allegria per cominciare. Si tratta di un primo step da cui partire per sviluppare un sistema di videosorveglianza in altre zone a rischio del IV municipio”.