Playa di Catania, denunce e sanzioni per i titolari di alcuni lidi

Playa di Catania, denunce e sanzioni per i titolari di alcuni lidi

CATANIA – I carabinieri della compagnia di Catania Fontanarossa sono stati impegnati, su disposizione del comando provinciale di Catania, in un’estesa attività di controlli preventivi ai lidi del litorale della “Playa”.

I militari sono stati supportati dai colleghi del 12° Reggimento “Sicilia” e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania, nonché da personale dell’A.S.P.


L’attività ispettiva ha riguardato, tra gli altri, uno stabilimento balneare ubicato sul viale Kennedy, il cui amministratore unico, un 47enne catanese, è stato denunciato.

L’uomo ha fatto installare un impianto di videosorveglianza non autorizzato all’interno della struttura e ha omesso la sorveglianza sanitaria nei confronti di uno dei dipendenti, con conseguente applicazione di ammende per un importo complessivo di 1.615 euro.

È scattata anche la maxi sanzione di 3.600 euro in quanto, durante il controllo, è stato identificato un lavoratorein nero” e sono state attivate le procedure per il recupero di contributi non versati (INPS-INAIL) per un importo di 1.200 euro.

I militari hanno anche proceduto al sequestro, per la successiva distruzione, di 32 chilogrammi di alimenti (pesce e carne), privi di etichette e di indicazioni utili alla loro tracciabilità con conseguente applicazione di una sanzione amministrativa di 1.500 euro.

Nel medesimo ambito operativo sono stati effettuati controlli alla circolazione stradale che hanno consentito l’identificazione di una trentina di persone e la verifica di una ventina di veicoli.

Le violazioni alle norme imposte dal Codice della Strada (mancata copertura assicurativa, guida senza patente e mancata revisione periodica) hanno comportato l’elevazione di sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 7mila euro e la sottoposizione di 3 veicoli a fermo/sequestro amministrativo.

Nel corso dei controlli i militari hanno sorpreso un 22enne alla guida di un’autovettura privo della prevista patente di guida, in quanto mai conseguita, circostanza già rilevatagli una prima volta nell’ultimo biennio e che ha fatto scattare per lui la denuncia all’autorità giudiziaria, nonché, la relativa sanzione amministrativa.

I carabinieri hanno anche controllato la regolare presenza in casa di una decina di persone sottoposte nella propria abitazione a misure restrittive.

Un 26enne è stato infine denunciato all’autorità giudiziaria per violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale a cui è sottoposto, essendo stato sorpreso alla guida di un’autovettura senza la prescritta patente di guida, perché mai conseguita e senza la carta precettiva a seguito.