Migranti salvati dalla Diciotti, chieste condanne per 4 presunti scafisti

Migranti salvati dalla Diciotti, chieste condanne per 4 presunti scafisti

PALERMO – I pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia di Palermo hanno chiesto la condanna dei 4 presunti scafisti che la sera del 16 agosto del 2018 condussero un gommone al largo di Lampedusa con a bordo oltre 177 migranti. I profughi vennero soccorsi dalla nave della Guardia Costiera italiana “Diciotti“, un episodio che diede vita a un lungo braccio di ferro fra governo e magistratura.


Queste le pene proposte: 11 anni e 8 mesi di reclusione per gli egiziani Ahmed Shalaby Farid (23 anni), Ashraf Abnibrahim (39 anni), e Al Jezar Mahammed Ezet (24 anni); 4 anni e 10 mesi per Shahalom Mohammod (26 anni) del Bangladesh. La differenza nella richiesta della pena sarebbe stata determinata dal fatto che il bengalese, nel corso delle indagini, avrebbe avuto un atteggiamento collaborativo con gli inquirenti.

I 4 presunti scafisti, ritenuti componenti di un’organizzazione criminale, sono stati riconosciuti dagli altri migranti non appena arrivati a terra. La Corte di assise di Agrigento emetterà la sentenza il prossimo 24 luglio.


Fonte foto: Ansa