La Neonatologia italiana a confronto venerdì e sabato al Policlinico di Catania

La Neonatologia italiana a confronto venerdì e sabato al Policlinico di Catania

CATANIA – Venerdì 24 e sabato 25 giugno Catania ospiterà i maggiori esperti  della Neonatologia italiana riuniti per partecipare a un incontro prestigioso che si terrà nell’Aula Magna dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico “G. Rodolico – San Marco”, guidata dal direttore generale Gaetano Sirna, in via Santa Sofia.

Update del neonato pretermine, dalla sala parto alla Tin”, in pratica il percorso che compie il neonato prematuro, dalla nascita alla dimissione e follow up seguente, è il tema intorno al quale si confronteranno e dibatteranno, condividendo le proprie esperienze, gli esperti e gli specialisti presenti, molti di fama internazionale.


Il congresso è stato promosso dall’Unità Operativa Complessa di e Utin (Terapia Intensiva Neonatale) e Neonatologia del presidio “Rodolico” diretta da Vincenzo Di Benedetto, con la collaborazione dell’Università di Catania e della Società Italiana di Neonatologia.

Fitto il programma congressuale, curato con particolare attenzione dai responsabili scientifici, il direttore Di Benedetto e le dirigenti medico Pasqua Betta e Maria Grazia Scuderi.

L’incontro si aprirà venerdì 24 alle ore 14,30, con una cerimonia che vedrà, oltre ai saluti delle autorità, tra i quali in particolare
quelli del Rettore Francesco Priolo e del direttore generale dell’AOUP, Sirna, la partecipazione del presidente Sin nazionale, Luigi Orfeo, e della vicepresidente della Sin regione Sicilia, Caterina Cacace.

Tra gli ospiti del convegno interverrà anche Fabio Mosca, specialista di primo piano e punto di riferimento della neonatologia italiana.

La prima sessione, prevista per le ore 15 di sabato, tratterà il tema del distress respiratorio del neonato prematuro con gli intervento di Daniele Trevisanuto dell’Università di Padova, che darà gli aggiornamenti delle linee guida mondiali della rianimazione neonatale sulle quali è particolarmente impegnato.

Quindi sarà la volta di Camilla Gizzi, segretario del gruppo di studio Sin sulla Pneumologia Neonatale che parlerà delle novità sulle linee guida della ventilazione neonatale, di Francesco Raimondi dell’Università di Napoli che per primo ha studiato la tecnica dell’ecografia polmonare nel distress respiratorio.

Seguiranno gli interventi di Carlo Dani dell’Università Meyer di Firenze, sulle diverse tecniche di ventilazione, e quindi di Gianni Vento, dell’Università Cattolica di Roma, che si occuperà di un nuovo studio multicentrico in cui è coinvolta anche l’Azienda Ospedaliero Universitaria etnea.

Successivamente, ci saranno gli apporti di Cinzia Auriti del Bambino Gesù di Roma, grande esperta di infettivologia, e Luca Filippi dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana che sta portando avanti uno studio molto importante per i neonatologi, quello sul disaccoppiamento tra ossigenazione e vascolarizzazione.

A concludere la giornata lavorativa sarà la discussione interattiva di Eloisa Gitto dell’Università di Messina e Vincenzo Salvo dell’ospedale di Ragusa.

L’intero programma dell’evento, che potrà essere seguito anche online,
è disponibile al seguente link e nella foto sottostante.