Furono arrestati nell’operazione Polaris, due catanesi trasferiti dai domiciliari al carcere

Furono arrestati nell’operazione Polaris, due catanesi trasferiti dai domiciliari al carcere

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Operativo delle Compagnie di Catania Piazza Dante e Fontanarossa, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare che dispone la carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania, hanno arrestato il 27enne Giuseppe Davide Pastura e il 34enne Girolamo Danilo Marsiglione, entrambi catanesi.

Come si ricorderà i due, nell’ambito dell’operazione “Polaris” del novembre del 2016, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Catania Piazza Dante, furono destinatari di un provvedimento che disponeva per loro gli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico.


In foto Giuseppe Pastura

Il provvedimento restrittivo, originariamente, era diretto a 29 persone indagate a vario titolo dei reati di associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere di San Cristoforo, con l’aggravante dell’agevolazione mafiosa della famiglia Santapaola-Ercolano. L’operazione aveva disarticolato un’organizzazione criminale capeggiata dall’allora latitante Andrea Nizza, poi arrestato nel gennaio del 2017 dai carabinieri del Reparto Operativo di Catania.

In foto Girolamo Danilo Marsiglione

La Corte di Cassazione ha ora accolto il ricorso della Procura della Repubblica etnea avverso il provvedimento del GIP nei confronti dei due, determinando pertanto il loro arresto nel carcere di Catania Bicocca per l’espiazione della pena residua, quantificata in 9 anni e 8 mesi per Pastura e 9 anni 11 mesi e 10 giorni per Marsiglione.