Follia nel Catanese, lascia il figlio malato di 14 anni sotto il sole: giovane deceduto, indagata la madre

Follia nel Catanese, lascia il figlio malato di 14 anni sotto il sole: giovane deceduto, indagata la madre

CALTAGIRONE – La Procura della Repubblica di Caltagirone (Catania), nell’ambito di indagini a carico di una donna di 45 anni, indagata per il delitto previsto e punito dell’art. 591 aggravato ai sensi dei commi 3 e 4 del codice penale nonché dalla recidiva specifica ex art. 99 comma 2 n.1 c.p., ne ha disposto il fermo di indiziato di delitto, eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Caltagirone, in particolare dalla Stazione CC di Grammichele.

L’indagata, in qualità di genitore, ha abbandonato il figlio di 14 anni, di cui aveva la custodia esclusiva (il padre infatti era deceduto), persona incapace di provvedere a se stessa per malattia di mente e di corpo, in quanto affetta da tetraparesi spastica e ritardo mentale grave; condotta consistita presumibilmente nel lasciare il minore all’esposizione prolungata ai raggi solari per un notevole lasso di tempo, da cui ne derivava la morte.


Le indagini svolte dai Carabinieri sotto il coordinamento di questa Procura, hanno fatto emergere un gravissimo quadro indiziario nei confronti della odierna indagata, desunto da diversi fattori:

  • le versioni dei fatti contrastanti fornite dalla donna, a partire dalla chiamata al 112 e rese poi nel corso del sopralluogo degli investigatori
  • gli svariati tentativi della stessa di fuggire (intento, peraltro, palesato agli stessi militari in occasione dell’intervento), ben conscia dei rischi a cui era esposta (si rammenta, a tal proposito, che la donna annovera un precedente per abbandono di minori sempre a danno del figlio in concorso con il padre, deceduto, del bambino);
  • gli esiti delle sommarie informazioni acquisite nel corso delle attività esperite;
  • dall’ispezione cadaverica eseguita dal medico legale che depone per una prolungata esposizione esterna del ragazzo, verosimilmente all’azione dei raggi solari, inconciliabile con la sede di ritrovamento della salma, tanto da far presupporre che il decesso sia da collocare almeno 36 ore prima dell’arrivo dei militari.

Immagine di repertorio