Eutanasia, appello Procura di Catania contro assoluzione Coveri di Exit-Italia dall’istigazione al suicidio

Eutanasia, appello Procura di Catania contro assoluzione Coveri di Exit-Italia dall’istigazione al suicidio

CATANIA – La Procura di Catania ha proposto appello contro la sentenza del gup Marina Rizza che il 10 novembre 2021 ha assolto, “perché il fatto non sussiste“, Emilio Coveri, presidente dell’associazione Exit-Italia, a conclusione del processo col rito abbreviato per istigazione al suicidio per il ricorso all’eutanasia nel 2019 in Svizzera di una 47enne della provincia etnea.

Secondo l’accusa Coveri avrebbe “intrattenuto ininterrottamente dal 2017 al 2019 plurimi rapporti e conversazioni telefoniche, via sms e posta elettronica” e avrebbe indottola donna, chesoffriva di forme depressive e sindrome di Eagle, a iscriversi nel 2018 all’associazione Exit“.


Condotte – contestano il procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e il sostituto Angelo Brugaletta – accompagnate da sollecitazioni e argomentazioni in ordine alla legittimità, anche etica, della scelta suicidaria“.

In particolare, si sostiene nel ricorso, Coveri non si sarebbe “limitato a fornire, asetticamente e in maniera neutra, informazioni” sul suicidio, ma “andava ben oltre, sconfinando in una condotta penalmente illecita“, “rafforzando e incrementando il labile ed assai incerto proposito suicidiario in itinere, ma non certo concreto e definitivo, vincendo, anzi coartando, le iniziali resistenze” della donna.

Lo avrebbe fatto, accusa la Procura, con “consigli, suggerimenti ed esortazioni” e, contestano i pm, con una “lenta e insistente opera di persuasione, volta a superare tutte le resistenze e le titubanze opposte” dalla 47enne. Un atteggiamento che la Procura di Catania ritiene sia stato “fondamentale e determinante per le scelte future” della donna.

Nel processo di primo grado davanti al gup di Catania si erano costituite come parti civili la madre, la sorella e tre fratelli della 47enne.

Fonte foto Regione Siciliana