Etna, adesso le eruzioni si prevedono in anticipo: il vulcano ha superato il test di allerta automatico

Etna, adesso le eruzioni si prevedono in anticipo: il vulcano ha superato il test di allerta automatico

CATANIA – Esame superato per l’Etna. Il sistema di allerta automatico per le eruzioni installato sul vulcano più alto d’Europa ha passato i test effettuati nel corso degli ultimi otto anni. Dal 2008 al 2016 l’apparecchiatura ha segnalato con un’ora di anticipo 57 delle 59 eruzioni che si sono sprigionate dai crateri.

Il sistema, realizzato attraverso alcuni sensori acustici, è stato messo a punto dal gruppo dell’Università di Firenze coordinato da Maurizio Ripepe. I risultati dei test sono stati pubblicati sul Journal of Geophysical Research: Solid Earth, dell’Unione Geofisica Americana.


I sensori sonori, piazzati a circa 6 chilometri di distanza dal vulcano, hanno individuato nella quasi totalità dei casi la risalita del magma in anticipo e hanno inviato messaggi di allerta che si sono rivelati affidabili.

Attraverso questo sistema, il Governo italiano nel 2015 ha provveduto ad allestire un sistema capace di segnalare l’imminente eruzione con almeno un’ora prima di anticipo.

L’intento dell’equipe, adesso, è quello di sviluppare una rete capace di prevedere l’attività eruttiva di altri vulcani del globo.