Escursionista sull’Etna messo in salvo dal Soccorso Alpino, la ricostruzione della disavventura

Escursionista sull’Etna messo in salvo dal Soccorso Alpino, la ricostruzione della disavventura

NICOLOSI – Si è concluso intorno alle 19 il recupero dell’escursionista scivolato in un canalone che interseca la Schiena dell’Asino, nel versante sud dell’Etna, a 2.246 metri sul livello del mare.

Il Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano (SASS) è stato allertato dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi (SAGF), in base al protocollo d’intesa che vige a livello nazionale.


Il malcapitato, G. M. di 56 anni, nonostante l’equipaggiamento adeguato per il tipo di escursione, ramponi e abbigliamento tecnico, nella tarda mattinata di oggi, 28 novembre, è scivolato all’interno di uno dei canaloni che si affaccia alla Valle del Bove, procurandosi la sospetta frattura di un arto inferiore. Gli amici non hanno potuto fare altro che allertare i soccorsi tramite il 118.

Le squadre del SASS e del SAGF hanno raggiunto il malcapitato che, dopo essere stato medicalizzato e stabilizzato, è stato posizionato nella barella portantina intorno alle 15 per procedere, con tecniche alpinistiche, nella discesa verso il piazzale di piano dei pompieri dove, ad attendere, c’era un’ambulanza del 118.

Le operazioni hanno visto in azione i militari del SAGF di Nicolosi, i volontari delle Stazioni Alpine Etna Sud ed Etna Nord e della Stazione Speleologica Sicilia del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico servizio regionale Siciliano.