Catania, tenta di chiudere la porta in faccia ai Carabinieri: arrestato con la droga in cucina

Catania, tenta di chiudere la porta in faccia ai Carabinieri: arrestato con la droga in cucina

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato un catanese 59enne abitante in viale Nitta, sorpreso in flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

L’equipaggio della pattuglia del Nucleo Operativo stava svolgendo un servizio perlustrativo nel popoloso quartiere di Librino con l’effettuazione di alcuni controlli dinamici fino a quando la loro attenzione è stata attratta da un giovane che avevano notato guardarsi intorno con circospezione prima di entrare all’interno di una scala condominiale.


I militari sono riusciti ad individuare l’appartamento sito al primo piano dello stabile, ove il giovane aveva scambiato qualche parola con il suo occupante, decidendo di non bloccarlo per la presenza di una telecamera notata proprio all’altezza della porta d’ingresso.

Pertanto, i carabinieri hanno semplicemente suonato il campanello dell’abitazione e, approfittando della distrazione del 59enne – che si è accorto ormai troppo tardi della presenza di militari in borghese, tentando invano di richiudere la porta ormai aperta – sono entrati all’interno provvedendo a bloccarlo.

Ben presto i militari hanno compreso il motivo della sua agitazione perché l’uomo, infatti, sul tavolo della cucina teneva 42 dosi di cocaina, nonché la somma di 510 euro, ricavata attraverso lo spaccio della droga mentre, posto su un muro, era presente un monitor con le immagini del sistema di videosorveglianza che copriva il pianerottolo e le scale d’accesso al suo appartamento.

L’autorità giudiziaria ha successivamente convalidato l’arresto del 49enne, disponendo la sua sottoposizione agli arresti domiciliari.