Catania, spacciava seduto su una panchina: in casa diversi chili di droga, arrestato 23enne

Catania, spacciava seduto su una panchina: in casa diversi chili di droga, arrestato 23enne

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato in flagranza di reato un 23enne di Pedara e denunciato un 20enne catanese in quanto gravemente indiziati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito di un servizio predisposto per il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti i militari hanno notato, in uno slargo all’angolo tra due strade del quartiere Borgo-Sanzio, l’andirivieni di diversi giovanissimi verso una panchina dove era seduto un giovane, poi identificato nel 20enne. Osservando i movimenti di andata e ritorno dalla “postazione” panchina, i militari hanno accertato che si trattava proprio di un’attività di spaccio, e, per evitare che la stessa si protraesse, sono entrati in azione bloccando il 20enne.


Quest’ultimo, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un borsello al cui interno custodiva un “assortimento” di sostanza stupefacente: 11 dosi di marijuana, 8 di hashish e la somma contante di 490 euro, ritenuta provento dello spaccio. Ma i militari avevano visto di più, difatti, poco prima che il 20enne si posizionasse alla “postazione di lavoro” i militari lo avevano notato entrare nel portone di un palazzo poco distante e ricevere da un altro giovane una busta di cellophane che aveva inserito guardingo all’interno del suo borsello.

Ritenendo quindi che il giovane della “consegna”, identificato poi per il 23enne, fosse il fornitore del 20enne, i militari, dopo una spedita attività info investigativa, hanno bussato alla porta di casa sua per eseguire una perquisizione che, come sospettato, ha fornito riscontri positivi.

Difatti, all’esito della ricerca eseguita all’interno dell’abitazione del 23enne, i carabinieri hanno trovato su un divano del salone, occultati all’interno di un paio di borsoni, un considerevole quantitativo di sostanza stupefacente tra marijuana, hashish e cocaina, la somma in denaro contante di 781 euro ritenuto provento dello spaccio, nonché, svariato materiale idoneo al confezionamento tra cui 6 bilancini di precisione, 3 bilance e 2 macchine per il sottovuoto.

I militari, in totale, hanno rinvenuto 118 buste contenenti marijuana (peso complessivo di 1,431 chilogrammi), 77 dosi di hashish di diverso taglio (peso complessivo di 530 grammi) e 6 dosi di cocaina (peso complessivo di 10 grammi).

Il 23enne, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato sottoposto dai carabinieri agli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico.