Catania, sospesi altri 46 medici senza vaccino anti-Covid

Catania, sospesi altri 46 medici senza vaccino anti-Covid

CATANIA – Sono 46 gli altri medici sospesi dall’Ordine dei Medici di Catania perché non sottopostisi al vaccino anti-Covid. É quanto deciso – tramite votazione – dal Consiglio dell’Ordine etneo.

Il nuovo decreto legge varato dal Governo nazionale ha infatti prolungato l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario fino al 31 dicembre 2022. Per queste categorie si continuerà – fino a quella data – ad applicare la sanzione della sospensione dal lavoro se non vaccinati.


Le parole del Presidente La Mantia

Come si legge dal documento – ha dichiarato il presidente dell’OMCeO di Catania Igo La Mantia i professionisti sanitari sono obbligati a sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid comprensiva, dal 15 dicembre 2021, della dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario. La regolarità vaccinale costituisce requisito essenziale per l’esercizio della professione.

Gli Ordini professionali, tramite le rispettive Federazioni Nazionali, verificano lo stato vaccinale dei propri iscritti sulla Piattaforma nazionale DGC e, qualora non risulti l’effettuazione della vaccinazione, anche con riferimento alla dose di richiamo successiva al ciclo primario, invitano via Pec gli interessati a produrre entro 5 giorni la documentazione comprovante l’effettuazione della vaccinazione, la presentazione della prenotazione da eseguirsi entro 20 giorni o la sopravvenienza di infezione da Covid.

Capita spesso che i colleghi non controllino le caselle di posta elettronica, dunque nella maggior parte dei casi non si tratta di medici no-vax. In caso di inosservanza, però, gli Ordini professionali sono costretti ad adottare atti di accertamento che determinano l’immediata sospensione dall’esercizio professionale con annotazione nell’Albo. Tale provvedimento perdura fino al completamento del ciclo vaccinale primario e, per i professionisti che hanno completato il ciclo primario, fino alla somministrazione della dose di richiamo e comunque non oltre il 31 dicembre 2022“.