Catania, il bilancio dei controlli dell’Ispettorato del lavoro nel 2021

Catania, il bilancio dei controlli dell’Ispettorato del lavoro nel 2021

CATANIA – Il Nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro di Catania è un reparto composto integralmente da personale dell’Arma dei carabinieri che ha conseguito la qualifica speciale di Ispettore del lavoro e pertanto specializzato in materia di legislazione sociale e sicurezza nei luoghi di lavoro. A supporto costante del Comando Provinciale carabinieri di Catania, il N.I.L. è impegnato a tutelare il lavoro in tutte le sue forme, reprimendo gli abusi e contrastando il lavoro irregolare e di maggior allarme sociale quali ad esempio il “caporalato” e/o lo sfruttamento lavorativo a danno di cittadini italiani e stranieri.

Il bilancio dei controlli del 2021

Nell’anno appena concluso sono stati effettuati 150 accessi e controllate 215 aziende (di vari settori imprenditoriali tra i quali edilizia, agricoltura, esercizi pubblici/commercio, grande distribuzione/logistica, strutture socio assistenziali ed altro).


A conclusione dell’anno 2021, 194 sono stati i soggetti deferiti all’autorità giudiziaria competente.

Grande attenzione, anche su direttiva di S.E. il Prefetto, è stata posta nella vigilanza anti-Covid in tutte le aziende controllate con la contestazione di 13 sanzioni per inadempienze al protocollo specifico.

La verifica, inoltre, ha riguardato i numerosi percettori del Reddito di Cittadinanza, in particolare sono stati identificati e denunciati 91 soggetti (alcuni perfino in regime di 416 bis e 640 bis) che hanno indebitamente percepito una somma, con conseguente danno erariale, per un ammontare complessivo di 703.926 euro.

Vista l’annosa recrudescenza degli infortuni sul lavoro, numerosi sono stati anche i controlli in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro presso le aziende edili e nelle attività dove il rischio è più alto. Al riguardo sono state ispezionate 74 aziende con la denuncia di 32 soggetti e relativa contestazione di 132 ammende per un ammontare complessivo di 239.219 euro.

Oltre ai predetti casi, ulteriori soggetti sono stati deferiti a vario titolo all’autorità giudiziaria competente per i seguenti reati:

  • 4 di datori di lavoro per estorsione in quanto richiedevano la restituzione di parte della retribuzione ai propri dipendenti;
  • 3 datori di lavoro per falsità ideologica avendo presentato attestazioni di formazione in materia di sicurezza falsi;
  • 15 datori di lavoro che hanno utilizzato impianti di videosorveglianza sul lavoro non autorizzati;
  • 2 datori di lavoro per caporalato e sfruttamento dei lavoratori in stato di bisogno;
  • 2 datori di lavoro per aver occupato 8 stranieri senza il permesso di soggiorno per lavoro subordinato;
  • 3 soggetti per aver impiegato n. 1 minore al lavoro senza che lo stesso avesse completato l’obbligo scolastico;
  • 2 datori di lavoro per aver trattenuto indebitamente la quota contributiva a danno dei lavoratori senza versarla all’Ente previdenziale (INPS) per un totale di 38.570 euro;
  • 8 soggetti per aver indebitamente percepito indennità di sussistenza erogata dalla Regione Sicilia a seguito della emergenza covid 19.

I lavoratori complessivamente identificati sono stati 1.246 (di cui 128 stranieri); 143 sono risultati “in nero” e 122irregolari” per difformità contrattuali nei rapporti di lavoro. A seguito dell’identificazione dei lavoratori in nero sono state sospese 33 attività imprenditoriali.

Sono scaturiti inoltre:

  • sequestri amministrativi e penali per 612.500 euro;
  • recuperi contributi previdenziali ed assistenziali (INPS INAIL) per 535.000 euro;
  • sanzioni amministrative per 806.071 euro.