Catania, emergenza Coronavirus: rischio fallimento per le imprese. Sindacati chiedono aiuto

Catania, emergenza Coronavirus: rischio fallimento per le imprese. Sindacati chiedono aiuto

CATANIA –  Nella provincia di Catania l’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio, di giorno in giorno, lavoratori e imprese già provate dalla crisi del 2008 e dai tagli causati dal dissesto in molti Comuni della provincia.


Cgil, Cisl e Uil di Catania sottolineano “la necessità che il Ministero del Lavoro, l’Assessorato regionale al Lavoro e l’INPS affrontino questo momento particolare consentendo, ognuno per la propria parte, e in maniera sincronizzata, la fruizione di tutti gli ammortizzatori sociali necessari”.


Stamattina i tre segretari generali delle sigle, Giacomo Rota, Maurizio Attanasio ed Enza Meli, si sono incontrati in teleconferenza per confrontare i primi dati sulle imprese e microimprese provinciali, comprese quelle con uno o al massimo quattro dipendenti, che compongono il tessuto produttivo e che sono molto diffuse specie nei comuni dell’hinterland.

Con un documento unitario hanno chiesto alle istituzioni locali che venga immediatamente reso fruibile ogni tipo di aiuto previsto dalla legge e dai recenti provvedimenti presi dal Governo, ma con effetto immediato. Impossibile pensare che si possa guadagnare tempo. Ogni giorno che passa è un rischio per l’economia della nostra provincia”.

Per Cgil, Cisl e Uil di Catania, dunque, il rischio polverizzazione delle piccole imprese di tutti i settori, è molto alto.

L’appello di oggi ad adottare azioni straordinarie e veloci sul fronte regionale, fa seguito a quello lanciato nello scorso fine settimana quando è stata chiesta: “Una legge speciale per Catania, città già piegata dal dissesto economico del Comune, e particolari soluzioni pensate su misura per il territorio. E a espletare con le misure urgenti e speciali, una volta per tutte, i concorsi per la sanità siciliana visto anche l’estremo pericolo che stiamo attraversando”.

Immagine di repertorio