Controlli anti Covid a Catania, chiusi due chioschi bar in piazza Giovanni XXIII: avventori dopo le 18

Controlli anti Covid a Catania, chiusi due chioschi bar in piazza Giovanni XXIII: avventori dopo le 18

CATANIA – Continuano i controlli della polizia municipale di Catania finalizzati a verificare il rispetto delle restrizioni anti Covid e delle normative commerciali. Gli ispettori della polizia commerciale, nel tardo pomeriggio di ieri, insieme al personale della Polizia di Stato, hanno eseguito la chiusura di due chioschi bar in piazza Giovanni XXIII perché non hanno rispettato l’orario di chiusura delle 18 imposto dalla normativa per il contenimento della pandemia. Entrambi gli esercizi, nel corso di un sopralluogo effettuato dopo le ore 20, erano infatti ancora in piena attività e con avventori presenti.

I due titolari sono stati sanzionati con un verbale amministrativo di 400 euro e con la sanzione accessoria della chiusura provvisoria degli esercizi per 5 giorni, in attesa dei provvedimenti che saranno adottati dalla Prefettura.


Inoltre, sempre sul fronte dei controlli per il contenimento del Covid, il personale del reparto Viabilità, intervenuto alle ore 23 in via Di Gregorio per rilevare un incidente stradale con feriti, ha dovuto sanzionare gli automobilisti coinvolti in quanto non avevano rispettato l’orario di coprifuoco delle 22.

In tema di controlli amministrativi agli esercizi di vicinato, la polizia commerciale ha effettuato ispezioni in due attività commerciali. La prima, una macelleria in via Gesualdo Clementi, è stata sanzionata in quanto ha utilizzato su sede stradale un braciere, in violazione ai regolamenti di polizia urbana, e ha occupato il suolo pubblico con tavoli e sedie in assenza dell’autorizzazione amministrativa necessaria.

Il secondo esercizio, un bar di via Armando Diaz, è stato verbalizzato per aver realizzato un abuso edilizio consistente nell’istallazione di una struttura fissa di 110 metri quadrati in area privata soggetta a pubblico passaggio, senza aver presentato alla direzione Urbanistica le comunicazioni previste dalla normativa, realizzando anche un ampliamento della superficie commerciale con ripercussioni sulla Scia e sulla Dia sanitaria possedute, circostanza che ha comportato una seconda verbalizzazione.

Ai due titolari degli esercizi controllati sono stati contestati verbali per complessivi 5.396 euro, ai quali si aggiungerà l’importo della sanzione determinata dalla direzione Urbanistica per l’abuso edilizio realizzato dal titolare del bar.