Catania, tutti in piazza contro l’ultimo Dpcm insieme ai lavoratori dello spettacolo

Catania, tutti in piazza contro l’ultimo Dpcm insieme ai lavoratori dello spettacolo

CATANIA – L’ultimo Dpcm dettato dal Governo a causa della situazione epidemiologica da Covid-19 sta mettendo a dura prova il sistema economico del Paese.


Per questo motivo i membri della Federazione del Sociale USB Catania lanciano un appello a  tutti i cittadini catanesi: tutti in piazza Università sabato 31 ottobre alle ore 18, insieme con i lavoratori e le lavoratrici del mondo dello spettacolo.


Se ci chiudete in casa ci dovete dare i soldi per vivere. Se ci volete al lavoro ci dovete dare tutte le protezioni che servono, a lavoro e sui mezzi di trasporto e, soprattutto dovete rafforzare la sanità, quella pubblica! Non ci giriamo tanto intorno, il grido di rabbia che è partito da Napoli e ha raggiunto tante altre città è sacrosanto: se interrompono le attività di ristorazione, se vietano gli spettacoli, se chiudono le palestre, se fermano un pezzo di Paese, devono usare le risorse che hanno per permetterci di vivere. Lo chiamino come vogliono, reddito di emergenza, sussidio Covid o altro: ci devono dare i soldi! Li tolgano a chi ce li ha e a chi in questo periodo si è arricchito ancora, perché anche nella pandemia non siamo tutti uguali“, spiega L’Usb.

Se lavoro in un bar o in un ristorante, se sono una guida turistica, se lavoro in una mensa o in un albergo, se sono stato costretto ad aprire una Partita IVA, se ho una bottega artigiana o una piccola attività, se lavoro nello sport o nello spettacolo, se vivo alla giornata di lavoretto in lavoretto, è normale che abbia finito i soldi. Qualcuno di noi ha preso i 600 euro, qualcun altro aspetta ancora la cassa integrazione di maggio, che poi sono pochi spiccioli perché mica mi hanno fatto il contratto a tempo pieno. Pensate che si possa vivere con questi pochi soldi?, chiedono i membri della federazione.

Ma non è andata male a tutti, ci sono interi settori industriali che hanno tirato e guadagnato in questi mesi. Provate a chiederlo ad Amazon per esempio quanto ha guadagnato il mondo del commercio on line in questo periodo. Le disuguaglianze crescono, possibile che non capiscano che devono togliere a chi si sta arricchendo per darlo a chi rischia di morire di fame oltre che di Covid?“.

Chi è al Governo deve smettere di fare finta di non vedere quali sono le cose concrete da fare e affrontare con decisione la realtà, utilizzando tutte le risorse a disposizione per fare tre cose urgenti e fondamentali:

  • misure economiche di protezione effettiva di tutta la popolazione, un reddito che copra tutta la fase della crisi e della emergenza sanitaria;
  • lockdown veri, capaci di isolare e sconfiggere il virus, senza continuare a subire le pressioni di Confindustria che tiene in ostaggio il paese perché le fabbriche devono continuare a produrre;
  • mezzi e personale nella sanità pubblica sufficienti a far fronte all’emergenza pandemica e a dare la certezza che tutte e tutti avremo la possibilità di essere curati“.

Immagine di repertorio