Uomo ucciso e murato: Salvatore Tambè ritenuto responsabile dell’omicidio avvenuto nel 2013

Uomo ucciso e murato: Salvatore Tambè ritenuto responsabile dell’omicidio avvenuto nel 2013

CALTANISSETTA – Alle prime luci dell’alba di oggi, i carabinieri di Monza e Caltanissetta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Monza nei confronti di Salvatore Tambè.


L’uomo di 45 anni sarebbe ritenuto responsabile, insieme ad altri complici dell’omicidio dell’albanese scomparso nel 2013 e poi trovato murato in un’intercapedine di una villa di Monza.


Il cadavere di Astrit Lamaj venne riesumato nel 2019 grazie alla confessione di un pentito che partecipò ai fatti. Alla base del brutale delitto ci sarebbero delle questioni legate alla fine di una relazione con una donna, mandante dell’omicidio, e al furto di alcuni gioielli.

Il profilo criminale del 45enne si aggrava ulteriormente, infatti, l’uomo si trova già in carcere perché coinvolto nell’operazione De Reditu, messa a segno nel 2018 dai militari di Caltanissetta.

Immagine di repertorio