Processo Strage di via D’Amelio. Legale di Mario Bo: “I poliziotti meritano rispetto”

Processo Strage di via D’Amelio. Legale di Mario Bo: “I poliziotti meritano rispetto”

CALTANISSETTA –Meritano rispetto le vittime, le parti civili ma sono certo che altrettanto rispetto meritano tutti coloro che in quegli anni si sono impegnati nella lotta alla mafia. Compresi gli uomini del gruppo Falcone-Borsellino. È proprio grazie a questi uomini, che oggi vengono ampiamente denigrati anche in questo processo, che la mafia ha subito un duro colpo“.

Lo ha detto l’avvocato Giuseppe Panepinto, legale di Mario Bo, poliziotto imputato a Caltanissetta insieme ad altri due colleghi, Fabrizio Mattei e Mario Ribaudo, nel processo sul depistaggio delle indagini sulla Strage di via D’Amelio.


I tre poliziotti, ex appartenenti al gruppo di indagine Falcone-Borsellino, sono accusati di calunnia aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra per avere indotto il falso pentito Vincenzo Scarantino a dire bugie e fare condannare persone innocenti per la strage in cui morì il giudice Borsellino insieme a 5 agenti della scorta.

È stata screditata – ha continuato Panepinto – anche la memoria di coloro che sono defunti e oggi non possono difendersi, mi riferisco a magistrati, poliziotti, accusati di essere collusi, di voler depistare. Sono accuse gravi e infamanti che espongono alla gogna mediatica. E prima di muoverle ci hanno insegnato che bisogna avere le prove“.

Fonte foto: Ansa