Mancano i medici negli ospedali, si recluta personale all’estero. Il presidente dell’Ordine di Palermo: “Non è una soluzione, si mortificano i nostri professionisti”

Mancano i medici negli ospedali, si recluta personale all’estero. Il presidente dell’Ordine di Palermo: “Non è una soluzione, si mortificano i nostri professionisti”

CALTANISSETTA – L’Asp nissena pensa di reclutare medici argentini.

Il presidio ospedaliero Longo di Mussomeli infatti è in grave affanno per l’assenza di medici e personale sanitario.


E’ noto da vent’anni che il fabbisogno di medici e sanitari sia inadeguato – ha detto il presidente dell’ordine dei medici di Palermo, Toti Amatoe siamo consapevoli che in uno stato d’emergenza servono misure urgenti per garantire salute ai cittadini.

Ma non è accettabile che questo possa avvenire senza nessuna interlocuzione e un piano straordinario concordato tra Regione e istituzioni ordinistiche, pienamente coinvolte nel processo di certificazione necessaria ai colleghi esteri per esercitare la professione in Italia”.

La mancanza di personale sanitario negli ospedali, soprattutto nei pronto soccorso, è un problema comune a tutte le province siciliane.

Per i nove presidenti degli ordini provinciali “la chiamata alle armi di medici stranieri che diverse istituzioni pubbliche e private sembra stiano esaminando è una soluzione a tempo, la durata di un contratto che rinvia un problema grave senza guardare in casa nostra e scavalcando ogni regola ordinaria e straordinaria in tema di assunzioni in sanità“.

Le stesse misure amministrative eccezionali con cui la Calabria ha assunto medici cubani per sostenere i suoi ospedali, secondo Amato “possono essere applicate ai nostri specializzandi, pensionati o medici in formazione per la medicina generale, oltre che ai colleghi migrati all’estero per mancanza di lavoro o di un contratto dignitoso“.

Grazie a una deroga temporanea che sposta il riconoscimento dei titoli conseguiti in Paesi stranieri dal Ministero alle Regioni, conclude il presidente dei medici “chiamare in soccorso personale medico estero significa derogare dalle garanzie di quella qualità assistenziale richiesta in Italia ai nostri professionisti dopo un lungo percorso formativo certificato, mortificandoli con contratti di tre mesi, spesso anche in libera professione, a differenza dei tre anni dei loro colleghi cubani ridotti in schiavitù dal regime“.