Flop Click Day, Musumeci e il pugno duro contro TIM: “Verificare condizioni di rescissione contratto”

Flop Click Day, Musumeci e il pugno duro contro TIM: “Verificare condizioni di rescissione contratto”

PALERMO – Doveva essere il giorno dell’erogazione del Bonus Sicilia, ovvero la distribuzione del sussidio costituito dai 125 milioni di euro a fondo perduto alle piccole imprese in difficoltà durante le settimane di lockdown, ma il famoso “Click Day si è rivelato un enorme flop. Un problema tecnicoimputabile a TIM Spa” si è letto nell’avviso presente sulla piattaforma messa a disposizione dalla Regione Siciliana, che ha portato al rinvio del Click Day per le ore 9 della giornata di giovedì 8 ottobre 2020.


Un grande danno per l’immagine della società e alla Regione, ma ancor di più per i migliaia di imprenditori che oggi aspettavano un aiuto dalle istituzioni. In tal senso, è intervenuto il Presidente della Regione, Nello Musumeci, che pensa di prendere provvedimenti contro la TIM stessa.


Ho dato mandato all’ufficio legale della Regione di verificare se esistono le condizioni per procedere con la rescissione del contratto nei confronti della Tim Spa e con la richiesta di risarcimento danni“, dichiara il governatore.

Si tratta – continua il presidente della Regione – di un danno di immagine della stessa azienda e nei confronti dell’amministrazione regionale, ma soprattutto per le decine di migliaia di imprese che, costrette a fermarsi in piena pandemia, dovranno attendere ancora per ottenere le risorse stanziate dal mio governo. Ho già chiesto una relazione dettagliata sull’accaduto ai dirigenti generali regionali dell’Arit e delle attività produttive, anche per accertare eventuali responsabilità interne. Chi ha sbagliato è giusto che paghi. Nel frattempo, spero che la Tim Spa voglia scusarsi con il suo cliente Regione, anche se si è già assunta la responsabilità dell’anomalia riscontrata, in nottata, sulla piattaforma“.

Fonte immagine: Facebook – Nello Musumeci