Spiagge siciliane in balìa dei detriti: maxi tubo delle fognature ritrovato dagli ambientalisti

Spiagge siciliane in balìa dei detriti: maxi tubo delle fognature ritrovato dagli ambientalisti

AGRIGENTO – Le coste siciliane non riescono a trovare pace, eppure rappresentano una ricchezza invidiata dalla maggior parte del mondo, ma evidentemente poco apprezzata dai locali.

Come sempre, dopo ogni mareggiata, diventano il porto sicuro di spazzatura, detriti e materiale di scarto destinato a sedimentare sulla spiagge per lunghi periodi.

È quanto si è verificato negli scorsi giorni nella bella ma sfortunata spiaggia di Torre Salsa, Agrigento, dove “Dopo le barche dei migranti è arrivato un lunghissimo tubo inquinante“, denuncia l’associazione ambientalista Mareamico.

Torre Salsa Spiagge inquinate

La condotta fognaria, probabilmente il pennello di Siculiana, è giunto nella splendida spiaggia di ‘fungiteddri’, dopo le recenti mareggiate”, spiega ancora l’associazione.

Mareamico ha allertato la struttura commissariale che gestisce le fognature in provincia, al fine di scoprire la provenienza e provvedere alla sua rimozione“, concludono i responsabili di Mareamico.