Ravanusa, Draghi ricorda le vittime e chiede verità: “Episodio inaccettabile, si faccia luce”

Ravanusa, Draghi ricorda le vittime e chiede verità: “Episodio inaccettabile, si faccia luce”

RAVANUSA – Il presidente del Consiglio Mario Draghi, intervenuto stamattina alla Camera in occasione del Consiglio UE che prenderà il via domani, ha ricordato le vittime della terribile esplosione avvenuta la scorsa settimana a Ravanusa.

Voglio prima di tutto ricordare le nove vittime dell’esplosione avvenuta l’11 dicembre a Ravanusa, in provincia di Agrigento“, ha dichiarato Draghi. Le sue parole sono state accolta da un lunghissimo applauso dall’Aula.


Draghi ha poi elencato i nomi delle persone tragicamente scomparse: “Pietro Carmina di 68 anni, Maria Crescenza Zagarrio di 69 anni, Liliana Minacori di 59 anni, Selene Pagliarello di 30 anni, Giuseppe Carmina di 88 anni, Calogero Carmina di 59 anni, Angelo Carmina di 72 anni, Giuseppe Carmina di 33 anni, Carmela Scibetta di 60 anni. Ai loro cari, vanno le condoglianze del Governo e mie personali.

È essenziale – ha aggiunto – che venga fatta luce al più presto su quanto accaduto per accertare le responsabilità. Episodi come questo non devono accadere. Sono inaccettabili“.

Voglio anche ringraziare le autorità coinvolte, a partire dal sindaco di Ravanusa e dal Prefetto di Agrigento, gli operatori della Croce Rossa Italiana per l’assistenza alla popolazione; e i soccorritori – i vigili del fuoco, l’Arma dei carabinieri, i volontari – che sono intervenuti subito, hanno lavorato senza sosta e sono riusciti a salvare la vita di due donne“.