Minacce a sindacalista, rinviati a giudizio vicesindaco di Lampedusa e vigile del fuoco suo genero

Minacce a sindacalista, rinviati a giudizio vicesindaco di Lampedusa e vigile del fuoco suo genero

LAMPEDUSA – Il vicesindaco di Lampedusa, Salvatore Prestipino è stato rinviato a giudizio insieme a un vigile del fuoco, Giusto Meli, perché avrebbero minacciato il sindacalista della UIL dei Vigili del Fuoco di Agrigento Antonio Di Malta.

Citati direttamente a giudizio dalla Procura di Agrigento per il reato di minaccia, il processo inizierà proprio oggi, 28 marzo.


I fatti risalirebbero a febbraio 2020 quando sarebbe nata in caserma discussione: Di Malta dava valutazioni personali a dei colleghi sul fatto che il Consiglio comunale di Lampedusa si era opposto alla concessione di un terreno per la costruzione di una nuova caserma dei vigili del fuoco.

Allora il sindacalista sarebbe stato prima minacciato da un vigile del fuoco (genero del vicesindaco), che avrebbe anche afferrato con forza il braccio e la mano, e poi dal vicesindaco stesso.

Oggi, lunedì 28 marzo, nel tribunale di Agrigento, il sindacalista agrigentino, sarà assistito dall’avvocato Antonio Zimbardi del foro di Roma. Meli e Prestipino, invece, sono difesi dall’avvocato Nicolò Grillo.

Fonte foto Regione Siciliana