L’aquila Rocco “conclude” il suo viaggio tragicamente: l’animale “freddato” con 60 colpi di fucile

L’aquila Rocco “conclude” il suo viaggio tragicamente: l’animale “freddato” con 60 colpi di fucile

AGRIGENTO – Una morte improvvisa e troppo “affrettata” quella di Rocco, un’aquila di Bonelli nata e cresciuta in Sicilia, morta poi nella provincia di Agrigento.


Dal giorno del suo involo dal nido, avvenuto nel 2017, Rocco è stato controllato grazie a un trasmettitore satellitare che trasmetteva dati scaricati poi giornalmente: dagli studi sul rapace, infatti, è risultato che quest’ultimo avrebbe percorso in circa 3 mesi circa 20mila chilometri, fino a stabilirsi nel luogo della sua prossima morte.

L’operatore che monitorava gli spostamenti dell’aquila, però, un giorno sarebbe rimasto insospettito dalla sua inconsueta inerzia e avrebbe dunque raggiunto la zona indicata dal Gps di quest’ultima.


Lì la spiacevolissima “sorpresa”: Rocco – o almeno la sua carcassa – riverso in terra sotto alcuni alberi, colpito da ben 60 colpi di fucile.

La specie dell’aquila Rocco è fortemente a rischio e lui – che presto avrebbe raggiunto la piena maturità sessuale – sarebbe stato una grande risorsa per lo studio sui rapaci.

Il suo corpo sarebbe stato preso da un ricercatore della squadra del progetto Life ConRaSi e poi trasferito all’Istituto Zooprofilattico di Palermo, dove attraverso una radiografia sarebbero state accertate le cause del decesso.

Immagine di repertorio