“Indietro come i gamberi”, altre due aree diventate non balneabili: fogna in spiaggia e ferri in mare

“Indietro come i gamberi”, altre due aree diventate non balneabili: fogna in spiaggia e ferri in mare

AGRIGENTO – Agrigento continua a fare passi indietro in tema di spiagge balneabili. Oltre ai soliti luoghi sottratti alla balneazione, come la zona del Caos, di Zingarello e Drasy, per i rischi connessi al pericolo di crolli della falesia.


Oltre ai soliti luoghi sottratti alla balneazione per l’inquinamento, come la foce del fiume Akragas e del fiume Naro, quest’anno si sono aggiunte altre 2 zone non balneabili: la spiaggia di Marenostrum e un tratto della Spiaggia delle Dune.

La prima è stata dichiarata non balneabile per colpa della condotta premente delle fogne presente sulla spiaggia, che spesso si rompe, perché sballottata dalla forza del mare.


La seconda a causa della presenza di una ventina di ferri in mare, residuati dallo smontaggio dell’ex chiosco Oceanomare. “Andiamo sempre indietro, come i gamberi“, dichiarano dall’associazione Mareamico.