Caso Sea Watch, richiesta proroga indagini su Carola Rackete dal pubblico ministero

Caso Sea Watch, richiesta proroga indagini su Carola Rackete dal pubblico ministero

AGRIGENTO – Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento di poter prorogare di altri 6 mesi le indagini nei confronti della 31enne Carola Rackete, capitana della Sea Watch.


Le indagini in questione riguardano l’arresto della giovane e la violazione, lo scorso 12 giugno, dell’alt imposto dalla Guardia di Finanza che le vietava di avvicinarsi alle acque territoriali.

Per quanto riguarda l’inchiesta non si procederebbe per il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La capitana, infatti, è indagata per le ipotesi di resistenza a Pubblico ufficiale, commesse fra il 12 e il 29 giugno, giorno dell’arresto; danneggiamento, e resistenza o violenza a nave da guerra.


I legali della 31enne, gli avvocati Leonardo Marino e Alessandro Gamberini, potranno opporsi alla richiesta di proroga e presentare memorie difensive.

Immagine di repertorio